Diversi tipi di olio vettore

Diversi tipi di olio vettore

Nel blog di doTERRA ho trovato questo articolo sugli oli vettori che mi è sembrato utile e interessante. Lo abbiamo tradotto NON UFFICIALMENTE e lo condivido nella convinzione che possa essere utile a coloro che amano gli oli essenziali e desiderano utilizzarli in maniera sempre più consapevole. Buona lettura!

Claudia

Qui l’articolo originale.

 

Benché sia facile usare gli oli essenziali in un diffusore, può essere altrettanto, o anche più efficace, usarli topicamente, a seconda dei risultati desiderati.

Gli oli vettori sono oli vegetali con poco o nessun profumo che vengono usati per diluire gli oli essenziali. Non solo volatili come gli oli essenziali e si conservano a lungo. Nel trasportare gli oli essenziali all’interno della pelle, gli oli vettori diluiscono la potenza dell’olio, ma questo vuol dire che vengono assorbiti meglio nella pelle perché evaporano più lentamente. Sono anche necessari per diluire alcuni oli essenziali “caldi” ed è anche una buona idea diluire qualsiasi olio, quando usato con i bambini o con persone con pelle sensibile. Quando in dubbio, diluire sempre.

Qual’è il miglior olio vettore?

Ricercare oli vettori può essere un compito tale da farci sentire sopraffatti, perché ce ne sono così tanti tipi da poter usare. Bisogna comunque tenere a mente che è meglio usare un olio vettore puro al 100%. in questo modo il profilo chimico dell’olio essenziale viene preservato e si dissolve facilmente.

Sostanze come burro, strutto vegetale e vaselina non dovrebbero essere usati come oli vettori perché non vengono assorbiti dalla pelle al livello richiesto.

Ecco alcuni tra i migliori oli vettore:

  1. Olio di cocco frazionato. L’olio di cocco ha un alto contenuto di antiossidanti e vitamina E. Però il denso olio di cocco vergine che troviamo nei negozi di alimentari, non è altrettanto utile per scopi aromaterapici, perché non viene assorbito rapidamente dalla pelle. Frazionare l’olio di cocco lo rende ideale per l’aromaterapia. Il processo di frazionamento dell’olio di cocco fa separare le catene di acidi grassi e produce una consistenza liquida. Non viene aggiunto nulla per renderlo tale. Questo rende l’olio più durevole e crea un olio che non è unto, leggero e migliore per l’assorbimento.
  2. Olio di mandorle dolci.  Fantastico per tutti i tipi di pelle ed applicazioni topiche, l’olio di mandorle dolci viene assorbito dalla pelle abbastanza bene. Ha un leggero odore di mandorle, ma niente di travolgente. È un olio grandioso da usare per la cura del viso perché aiuta ad idratare. Bisogna sapere, tuttavia, che non è un olio per coloro che soffrono di allergia alla frutta a guscio, siccome viene prodotto spesso negli stessi laboratori dell’olio di arachidi.
  3. Olio di Jojoba. Benché sia chiamato olio, jojoba (pronunciato ho-ho-ba) è a dire il vero cera liquida. Senza odore e di colore giallo oro, lo jojoba è un altro olio vettore molto comune perché è fantastico per i capelli e lascia la pelle idratata, ma non lucida. È molto simile all’olio prodotto naturalmente dalla pelle e può essere indicato per pelli grasse.
  4. Olio di semi d’uva. Questo olio ha un alto contenuto di acido linoleico ed è molto idratante, specialmente per e pelli delicate. Lo avrai visto spesso elencato nella lista degli ingredienti di diversi cosmetici. Il suo aroma è leggero e dolce, il colore è chiaro. Può essere un buon olio vettore da usare in caso di macchie occasionali.
  5. Olio d’oliva. Anche se può essere pesante, unto e avere un odore più forte rispetto agli altri, il beneficio dell’olio d’oliva è che è ricco sia di vitamine che di minerali. A seconda della quantità e della diluizione necessaria per l’olio essenziale, l’olio d’oliva può coprirne il profumo.

Come e cosa diluire

Una volta che hai trovato l’olio di tua scelta, puoi iniziare a diluire gli oli essenziali in base al rapporto di diluizione necessario. I seguenti rapporti di diluizione dovrebbero darti una buona idea di quanto:

Per un cucchiaino di olio vettore aggiungi:

  • 1 goccia di olio essenziale per una diluizione all’1%
  • 2 gocce per il 2%
  • 5 gocce per il 5%

Un cucchiaio di olio vettore:

  • 3 gocce di olio essenziale per una diluizione all’1%
  • 6 gocce per il 2%
  • 15 gocce per il 5%

30 ml di olio vettore:

  • 6 gocce di olio essenziale per una diluizione all’ 1%
  • 12 gocce per il 2%
  • 30 gocce per il 5%

Quando devi usare un olio essenziale topicamente, gli oli doTERRA sono organizzati in tre categorie specifiche. Neat (Puro), Dilute (Diluito), e Sensitive (Sensibile). Gli oli che sono nella categoria Dilute sono quelli che hanno un alto contenuto di costituenti che sono particolarmente forti, ad esempio i fenoli. Questi sono:

  • Cassia (cassia)
  • Cinnamon Bark (cannella)
  • Clove (chiodo di garofano)
  • Oregano (origano)
  • Thyme (timo)

Per i bambini e le persone con la pelle sensibile, bisogna prestare particolare attenzione alla categoria Sensitive. Gli oli in questa categoria includono:

  • Bergamot (bergamotto)
  • Black Pepper (pepe nero)
  • doTERRA Breathe®
  • Cedarwood (legno di cedro)
  • doTERRA Cheer®
  • Copaiba (copaiba)
  • Deep Blue®
  • Eucalyptus (eucalipto)
  • Fennel (finocchio)
  • doTERRA Forgive®
  • Geranium (geranio)
  • Ginger (zenzero)
  • Lemongrass (citronella)
  • Lime (lime)
  • doTERRA Motivate®
  • doTERRA On Guard®
  • doTERRA Passion®
  • Peppermint (menta piperita)
  • Petitgrain (petitgrain)
  • Slim & Sassy®
  • Spearmint (menta spicata)
  • Wintergreen (wintergreen)

Il resto degli oli doTERRA sono nella categoria Neat se pensati per l’applicazione topica. Se un olio è categorizzato come Neat, non causerà sensibilità nella maggior parte degli individui. Tuttavia, se vuoi essere sicuro quando provi un olio per la prima volta, puoi sempre diluirlo in un olio vettore e applicarlo su una piccola porzione di pelle.

Lascia un commento